Confermato evento Apple per il 21 marzo

techinsider_2016-mar-101È confermato. Dopo le indiscrezioni di qualche giorno fa, Apple ha confermato un evento per il 21 marzo prossimo. Gli inviti sono già in viaggio presso la stampa.

L’invito presenta la grafica del logo di Apple, in cui si intersecano altre figure creando colori diversi. Lo slogan dell’evento è “Let us loop you in.”, vale a dire “Lasciateci includervi dentro.” Interessante la presenza del punto alla fine della frase, come se fosse qualcosa di definitivo.

L’evento si terrà nel campus di Cupertino. L’orario non è stato ancora confermato. L’orario sarà come nei precedenti eventi sarà alle 10.00 di Cupertino, vale a dire le 19.00 in Italia.

Probabilmente il Keynote servirà a presentare il nuovo iPad Pro Mini e l’iPhone 5SE. Intanto sappiamo con certezza che l’evento sarà trasmesso in streaming come ormai consuetudine Apple.
Potrete seguirlo da AppleTv da iPhone,  iPad e Mac senza alcun problema.
screen-shot-2016-03-17-at-09-32-08

Schermata 2016-02-29 alle 15.30.54L’anno bisestile e il 29 febbraio capitano una volta ogni 4 anni, così Apple coglie l’occasione per regalare agli utenti di iPhone e iPad 5 app e giochi per un valore complessivo di 15 euro. Qui di seguito l’elenco delle 5 app in regalo oggi con Apple e una breve descrizione delle funzioni offerte, oltre che del prezzo di listino:

 

tools-traces

Tayasui Sketches, normalmente proposta a 4,99 euro, è una versatile app di disegno che permette di tracciare bozze, idee, fino a disegni completi e illustrazioni con una simulazione realistica dei vari strumenti sulla carta. Riproduce pressione, inclinazione e ampiezza dei tratti.

Schermata 2016-02-29 alle 15.54.12
Super Sharp (normalmente a 1,99 euro) è invece un gioco a un solo dito basato sulla fisica in cui dobbiamo tagliare con precisione millimetrica numerose figure geometriche per superare i 120 livelli proposti. Dopo il salto le altre app Continue reading “Anno bisestile, arrivano i regali da Apple” »

bugsafariStamattina un problema sta attanagliando alcuni utenti di safari. Basta toccare la Barra degli Indirizzi di Safari (o farci clic sopra, se siete su Mac) perché l’app vada in crash. Sappiate che non è colpa vostra: è un problema lato server di Apple. Ecco come risolvere.

Per fortuna, la soluzione è semplicissima. Il problema dipende dal fatto che, ogni volta che digitate un ULR nuovo, Safari tenta di prevedere la vostra query e inizia a reperire informazioni attraverso suggerimenti e Top Sites, solo che le informazioni inviate da Apple, per qualche ragione, non piacciono al browser. In attesa che da Cupertino sistemino, ecco cosa potete fare.

Su iOS
È sufficiente aprire Impostazioni > Safari e disattivare l’interruttore vicino a Suggerimenti di Safari.

Su OS X
Purtroppo non esiste una soluzione altrettanto immediata; però, se incappate nel problema, potete navigare in modalità anonima facendo clic su File > Nuova Finestra Privata in Safari.

2560_3000Più uso il nuovo OS X El Capitan, più mi piace. Non presento qualcosa di troppo complesso, sono piccoli trucchi del sistema che ci sono, e anche la apple stessa ne ha già parlato, molto spesso passano inosservati. Io stesso sono rimasto sorpreso mentre provavo la beta alcuni mesi fa in ufficio ed ho visto la “freccia impazzita “, che subito dopo mi ha fatto invece sorridere.

  • Trova il cursore: Ora con i nuovi schermi ad una enorme risoluzione ed anche Retina vi sarà capitato di diventare “matti” in cerca del cursore. Se non lo trovate, è sufficiente spostare il mouse o trackpad con “forza” e vedere come il cursore viene ingrandito in modo  da riuscire a trovarlo.
    Se non vi piace questa opzione o la trovate poco utile potete disabilitarla dalle preferenze di sistema.
  • Miglioramenti Exposé: Se non vi piaceva l’Exposé di Yosemite il quale raggruppava i documenti aperti, adesso  El capitan li mostra perfettamente separati, essendo più facile trovare il documento che si desidera utilizzare.
  • La finestra di Spotlight può essere spostato: in Yosemite, il primo OS X dove abbiamo visto un miglioramento di Spotlight indipendente e con molte altre caratteristiche, è sempre apparso al centro dello schermo e fisso. Adesso con El Capitan possiamo Spostare ad un punto dello schermo che ci piace di più ed il sistema ricorderà la sua posizione. Continue reading “10 piccoli trucchi di El Capitan che sono passati inosservati” »

Arrivato lo stand Apple per Apple Watch

MLDW2Senza preavviso, un giorno come un altro, Apple ha rilasciato ufficialmenteun nuovo accessorio  per l’Apple Watch. Una base di carica magnetica per l’Apple Watch, un prodotto che a quanto pare è più che pronto per essere collocato sugli scaffali dei negozi da subito.

Con una curiosa forma circolare, questo dock di ricarica avrà un costo di 89 euro circa (79$ negli usa), ben al di sopra dei 59 euro del dock per l’iPhone probabilmente giustificato da un design più complicato che consente di posizionare l’orologio di Apple in due posizioni: si appoggia alla base o lateralmente per agire come sveglia, una delle novità di watchOS 2. Continue reading “Arrivato lo stand Apple per Apple Watch” »

1366_2000Sono passate poco più di due settimane da quando è arrivata la nuova Apple TV (prodotto presentato durante il nostro periodo di assenza) ed è arrivata con un sacco di novità e caratteristiche aggiornate una su tutte è quella di diventare anche consolle inserendosi nel mercato dei top box.

Durante il suo annuncio lo scorso settembre, è stato mostrato un video con la nuova quarta generazione dell’ Apple TV che  in alcune regioni del mondo viene usato come uno spot televisivo per annunciare la disponibilità del dispositivo. Ma oggi, Apple sta lanciando i primi spot ufficiali per l’Apple TV, questa volta concentrandosi su uno dei suoi maggiori punti di forza: le sue applicazioni.

Giochi e filmati su Apple TV

Ci sono cinque nuove pubblicità di appena 16 secondi ciascuno, in cui vengono presentate le cinque applicazioni più popolari e potenti all’interno della Apple TV, che possono essere scaricate dal nuovo App Store. Ogni spot inizia con la barra dei colori in qualità di rappresentante della televisione, per poi passare ad un breve cattura delle app in questione, chiudendo con una immagine del TVOS la nuova interfaccia, sulla quale stanno già testando il supporto di Siri e Apple Music. Continue reading “Arrivano i primi spot della nuova Apple TV” »

BackOnlineCalmugBuongiorno, ritorniamo dopo un periodo difficile per la nostra redazione. Non scenderò nel particolare raccontandovi come impegni ed eventi di altro genere ci hanno bloccato per quasi 3 mesi, ma tant’è che siamo stati fermi. Dal 2001 a questa pausa non avevamo mai trascorso un periodo tanto lungo senza aggiornare, e problemi negli anni ne abbiamo avuti. Ma adesso vogliamo guardare al futuro, rinforzando le due vocazioni del nostro sito: l’amore per le notizie riguardanti la tecnologia ed il senso di community che ci appartiene da prima ancora che il sito fosse fondato.

Cosa cambierà?
Molto, ma senza stravolgimenti. L’idea è quella di dare una rinfrescata alla interfaccia, investire nell’aspetto social della nostra community ed allargare il campo del settore tecnologico del quale ci occupiamo, quindi non solo apple ma tutto il mondo tech. Due nuove collaborazioni sono alle porte e questo nuovo vento porterà notizie fresche di giornata e divertimento per la community.
Già da oggi nuovi articoli.
Ricordo che le porte della nostra redazione sono sempre aperte a chi si voglia cimentare nel campo delle news.

Unknown-4Gli Instagramers Reggio Calabria organizzano il primo instawalk della città dello stretto.

L’idea è quella di far conoscere, a quante più persone possibile, le bellezze della nostra città approfittando anche del gran numero di turisti che affolla le vie del centro in questi giorni.
Per questo instawalk abbiamo scelto un hashtag semplice ma azzeccato: #reggioapasseggio.
L’appuntamento è fissato per martedì 18 agosto alle ore 18.00 in piazza Italia, il salotto della città.
Ci sposteremo per visitare prima il Castello Aragonese e successivamente le mille bellezze del Lungomare Falcomatà, dalla vegetazione alle sculture, aspettando il tramonto. Al termine della passeggiata, per chiunque si voglia unire, è in programma una sfiziosa hamburgherata presso l’ Hamburgeria, che delizierà i palati degli instagramers.
Sono invitati a partecipare tutti gli appassionati di fotografia compresi quelli senza account instagram – nessun problema glieli creeremo noi!Per maggiori info scrivete una mail all’indirizzo di posta elettronica igersreggiocalabria@icloud.com oppure contattate i ragazzi sui social elencati sotto.Twitter | (@igersreggiocal)

Instagram | (@igers.reggiocalabria) 

Facebook | Instragramers Reggio Calabria

Schermata 2015-07-16 alle 16.31.30Apple ha lanciato oggi una nuova versione di iPod touch, con una CPU A8 a 64-bit. Questo rompe un lungo periodo di abbandono per il dispositivo iOS più economico di Apple, che lo scorso aggiornamento ricevuto era stato nel 2012. Sarà un enorme salto in termini di prestazioni rispetto al processore dell’ iPod touch precedente che era un A5. Sia la telecamera anteriore che la posteriore sono state migliorate, con un sensore sul retro da 8 megapixel di risoluzione.

Il nuovo iPod touch è disponibile per la prima volta in color oro come l’iPhone e iPad, oltre a nuove colorazioni  come blu e rosa . L’iPod touch avrà inoltre un modello da 128 GB in vendita a 469€. Il modello base di in vendita a 239€ rimane con 16 GB di memoria integrata, il modello da 32 GB costerà 289€ e la versione a 64 GB 349€.

Ci sono anche gli aggiornamenti di iPod shuffle e iPod nano, anche se questi sono solo modifiche estetiche alla fascia dei prodotti. Ora sono disponibili in blu, rosa e oro oltre al grigio scuro.

Il nuovo iPod touch include anche il coprocessore M8 per fitness tracking, proprio come l’iPhone, così come il supporto per 802.11ac. La fotocamera anteriore ora supporta la modalità burst per scatti selfie veloci. I prezzi e le specifiche di iPod nano e Shuffle rimangono gli stessi.

Nonostante una fotocamera migliorata, il nuovo iPod touch non include la cinghia da polso ‘Loop’ che aveva la generazione precedente. Tutto sommato un piccolo aggiornamento per un settore che la Apple sembra no voler abbandonare.

macosxinstalldiscs-100247528-largeVi sembrerò un pazzo, ma rimpiango quando pagavamo ad Apple le majors dei suoi sistemi operativi. Erano tempi in cui i bugs venivano risolti rapidamente e se non fosse stato per pochi passi falsi, ogni sistema operativo rappresentava un traguardo nelle prestazioni ed affidabilità lavorativa.
La mia memoria risale al Mac OS 8.5.
Ricordo la scheggia del Mac OS 9. Le beta del Mac OS 10.0 – 10.1 – 10.2 sino al 10.3 che rappresentò il primo vero OS dalle performance dovute per poterlo lasciare come disco di avvio principale.
Poi venne il 10.4 che considero tra i migliori mai sviluppati. Seguì un semi passo falso che fu il 10.5. Falso solo perché era certificato funzionante su Mac non di ultimo pelo, per cui dopo l’installazione non si riusciva neanche più a spostare un file in una cartella. Segui il non prosultra delle ottimizzazione ovvero il 10.6. Anch’esso nell’eden dei migliori sistemi operativi mai visti.
Dal 10.7 cominciò il mercato dei Mac OS a 25€ e poi 15€ ovvero lo schifo. Lag grafici, rallentamenti diffusi… Wi-Fi a singhiozzo proprio nel mentre veniva lanciato il nuovo percorso Apple… Tutto senza fili per una vita nel cloud.. E dunque per inasprire le pene, ecco arrivate pure il conflitto tra il bluetooth ed il Wi-Fi, per cui se collegavi un mouse senza fili degradavi la connessione sino a renderla ingestibile. Bisognerà sopravvivere al 10.8 per poter avere qualche miglioria nel 10.9.

Continue reading “Quando i sistemi operativi li pagavamo…” »