Apple Store: quali Mac comprare.

mac-family-bb-201501A differenza di qualche anno fa, lo store Apple inizia ad essere sempre più affollato di prodotti, non facilitando la scelta all’acquisto. Non mi riferisco solo ai diversi settori a cui ora Apple è interessata, ma anche il solo spazio dedicato ai computer comincia sempre più ad intasarsi tra Air di diverse dimensioni, MacBook Pro distinti sino a quel che tempo fa tra retina e non, con lettore cd e non… Un gran bel casino!
Ho provato dunque a scremare quello che veramente è interessante sullo store in funzione alle prestazioni, prezzo ed esigenze pro-consumer, alla luce di un Mac OS 10.10 penibile, a mio avviso il peggiore di tutti i tempi. Le cose spero cambieranno col 10.11!
I Mac completamente inutili all’acquisto sono:
  • Il nuovo MacBook. Bellissimo, ma prestazioni di 5 anni, rese ancora peggiori da un OS non generoso. Per il momento è una sperimentazione che diventerà una realtà tra due versioni, non prima credo.
  • Mac mini, rappresenta il vero hub da salotto al posto di una Apple TV mai decollata. Anche in questo caso ci troviamo di fronte ad un computer depotenziato a causa di un sistema operativo esoso e goffo e schede grafiche non degne neanche del primo prezzo.
  • MacBook Pro 13 retina è in bilico. La considero una bella macchina, ottimo schermo, buone dimensioni e leggerezza. Unico neo è la scheda video. Anche in questo caso si sarebbe potuto fare molto meglio.
  • Sconsigliatissimo il nuovo iMac 27 retina in tutte le varianti. Un computer per cui ancora non è stato fatto un sistema operativo che riesca a gestirlo. Il 10.10 su queste macchine ti fa odiare Apple. Continui rallentamenti, lag grafici incomprensibili. Si spendono intorno ai 2.200€ per il modello base, e sembra d’aver un computer già vecchio.

Promossi gli Air che nel rapporto qualità/prezzo e fascia in cui si inseriscono, rispondono benissimo alla domanda. Gli iMac 27 non retina promossi pure a pieno titolo. Super promosso il Mac Pro che riesce a ben digerire Yosemite oltre che quantità di lavoro enormi.

Ciccio Mac

Lascia un commento