Ed eccoci all’ultima puntata della nostra recensione su iPad 2, l’altra volta abbiamo parlato delle fotocamere e delle app di Apple, oggi chiudiamo in bellezza con Smart Cover e un cenno agli accessori.

Continue reading “Recensione a tutto campo di iPad 2 [ultima parte]” »

Dopo aver parlato delle impressioni più o meno dettagliate di iPad 2 nell’uso quotidiano, oggi vedremo le applicazioni che lo completano, come FaceTime, PhotoBooth, iMovie, e analizzeremo la resa delle due fotocamere, con alcuni esperimenti che ho fatto e video presi da internet. Continue reading “Recensione a tutto campo di iPad 2 [terza parte]” »

La scorsa volta abbiamo visto come iPad 2 è fatto dentro e fuori, oggi voglio parlarvi delle impressioni generali di utilizzo; com’è rispetto ad iPad 1?

L’iPad in mano

Sorretto in mano iPad 2 sembra molto più leggero del precedente, anche se differisce di “soli” 80 grammi. Colpisce la sensazione di compattezza del design, i profili smussati lo fanno sembrare ancora più sottile di quanto non lo sia e la superficie posteriore piana lo rende pratico per appoggiarlo, evitando l’effetto “barchetta” del primo. Ben bilanciato anche il peso, segno di un design interno studiato a puntino. Continue reading “Recensione a tutto campo di iPad 2 [seconda parte]” »

Introduzione

Apple ha fatto un gran bel lavoro con iPad 1, avendo successo dove fino ad ora chi si è imbattutto ha fallito miseramente, Apple compresa. Di fatto iPad ha creato un nuovo mercato, così come il primo Macintosh definì il Personal Computer.

Alcuni lo chiamano post-PC perchè permette di fare quasi tutto quello che faceva un PC in modo molto più personale e intuitivo, grazie al Multi-Touch.

Eccoci già alla sua seconda incarnazione, iPad 2 è uscito l’11 marzo in USA, e nella maggior parte del mondo il 25.

Dopo una settimana di utilizzo posso permettermi di dare un giudizio definitivo, ma prima voglio accompagnarvi in un veloce viaggio in cui scopriremo tutto quello che c’è da sapere su questo prodotto, a partire da alcuni cenni di storia, passando per l’hardware, le prestazioni nell’uso personale o a lavoro, il software e le App, e infine gli accessori.

Iniziamo…

Continue reading “Recensione a tutto campo di iPad 2 [prima parte]” »

Abbiamo messo le mani su questo nuovo sistema operativo e per quanto sia la prima beta, dobbiamo subito specificare che si tratta di una versione decisamente stabile. Nessun app crash, o blocco di alcun tipo e tenete conto che tra le tante prove, anche questo articolo è stato preparato con Lion. La macchina sulla quale lo stiamo testando è un MacBook Pro a 2,26GHz con 4GB di ram e 160Gb di HD ed il sistema gira fluido, azzarderei anche più fluido di Snow Leopard, ma forse è solo suggestione. L’impatto è decisamente favorevole, Jobs anticipò che questo firmware era un mix delle cose migliori di iOS e le cose migliori di MacOS X, ed è proprio quello che si coglie utilizzandolo, se avete un iPhone o un iPad vi troverete subito bene. Lauchpad, è una delle funzioni più pubblicizzate, ma a nostro parere non si tratta di una vera e propria novità, è una bella possibilità quella di accedere alla cartella applicazioni con un semplice gesto, ma probabilmente non cambia l’uso quotidiano.

  • Autocorrezione:
    Una grandiosa novità è l’autocorrezione, si esattamente avete letto bene, autocorrezione esattamente come su iPhone o iPad quando scrivete una parola ad esempio iPhoen chiaramente  sbagliando, il nuovo sistema operativo riconosce la parola la sottolinea di blu ed automaticamente corregge il testo. Le parole modificate rimangono comunque sottolineate di blu in modo che potremo facilmente modificarla nel caso in cui avessimo volutamente scrivere una parola in modo non corretto, inoltre nel caso in cui ci fossero più opzioni per concludere o correggere una parola questi vengono elencati sotto, esattamente come  in iPhone. Si tratta di una novità che secondo me è destinata ad influenzare positivamente  l’uso quotidiano in ogni campo da quello lavorativo a quello dell’ easy user. Questa autocorrezione è disponibile su tutte le applicazioni, anche se non sono scritte per Lion, dimostrando che si tratta di una funzione di sistema.
  • Fullscreen:
    La funzione FullScreen è splendida, ed era ora che fosse implementata, funziona con tutte le applicazioni realizzate specificamente per Lion, quindi noi l’abbiamo provata con Mail 5.0, Safari 5.1, iCal 5.0 e Anteprima 5.5 ed è una funzione che permette di concentrarsi appieno su una sola applicazione e potenzialmente spostarsi, con un semplice gesto da app ad app. Per entravi basta cliccare le due freccine in alto a destra dei programmi che lo supportano, e per uscirvi basta andare col mouse verso il menù alto e sempre all’estrema destra ci saranno le freccine, questa volta blu da ricliccare. Continue reading “Recensione: Mac OS X 10.7 Lion (Autocorrezione, Ridimensionamento finestre)” »

Firefox 4 beta 7

Stiamo provando la nuova versione di Firefox, la quarta, ora in fase beta. L’interfaccia predefinita è molto semplice, all’uso da una maggiore sensazione di un’applicazione “nativa” per Mac. La barra degli indirizzi ora da più informazioni: oltre a mostrare, come in Firefox 3, un pulsante per verificare l’origine e l’eventuale certificato di un sito, ora, passando il cursore su un collegamento, viene mostrata la destinazione cui si verrà portati, dopo una freccia, in un campo grigio all’interno della barra. Essendo una versione beta, è stata aggiunto un pulsante di feedback per commentare il programma, oltre a una serie di questionari da compilare volontariamente e una serie di raccolte dati automatiche, sempre da attivare a discrezione dell’utente. Nuova la gestione delle schede, premendo cmd+e si apre la gestione interattiva delle schede: è possibile creare una serie di riquadri (e assegnargli un nome che li accompagnerà nella navigazione col titolo della finestra) in cui raggruppare le schede trascinando le anteprime dei siti aperti. Se ci sono troppe schede e ci si perde si può fare clic sulla lente d’ingrandimento e cercare il sito desiderato. Nuova anche la gestione dei plugin e dei componenti aggiuntivi, tutta in un’unica pagina, tutti aggiornabili in un colpo solo. Sbarca su Firefox un nuovo servizio per sincronizzare i segnalibri su tutti i dispositivi, una specie di MobileMe in versione Mozilla, non l’abbiamo provato, ma è gratuito e si imposta dal pannello Sync delle preferenze. Permangono i classici “Easter Egg”, come about:mozilla, about:robots e about:config, non sappiamo se ne esistono di nuovi. Dopo l’interruzione, alcune immagini del software in azione. Continue reading “Firefox 4 beta 7” »

Dizionario, preferenze e pop-up da combinazione.No, non vogliamo fare la promozione di un qualche programma di Inglese, a pagamento, che magari neanche funziona.

Vogliamo parlarvi del dizionario integrato di Mac OS X che a partire da Leopard ha acquisito la possibilità di essere espanso con plugin di terze parti.

Se volete approfondire la vostra conoscenza di una lingua è indispensabile usare un vocabolario per imparare il maggior numero di parole possibile.

Usare un dizionario cartaceo è gratificante, ma quando non si studia sui libri, ma si leggono notizie e testi vari in lingua straniera su internet è bello sfruttare la rapidità del computer per trovare prima la definizione che si sta cercando; cercarla su un dizionario online può essere molto comodo, ma perché non rendere la cosa immediata come digitare una combinazione sulla tastiera? Continue reading “Imparare le lingue con Mac OS X” »

È arrivato Adium 1.4

AdiumDopo oltre un anno di sviluppo in fase beta, è stato rilasciato oggi Adium 1.4 (nome in codice King Elder), il client di messaggistica istantanea multi-protocollo per Mac OS X.

Multi-protocollo significa che il programma è utilizzabile con diversi servizi di chat, come Facebook, MSN, AIM e diversi altri.

Adium è stato premiato con una menzione speciale delll’Apple design Award nel 2005, ed è estremamente versatile e personalizzabile, è stato anche segnalato dal Wall Street Journal nel 2008 come una delle applicazioni più carine per Mac OS X.

Il programma è sviluppato da una comunità di programmatori ed è open-source, quindi tutti possono contribuire (anzi, hanno bisogno di volontari), è basato sul motore open source Libpurple, per la messaggistica istantanea.

A differenza di altri programmi open-source, Adium è sviluppato esclusivamente per i sistemi della Mela, è un’applicazione nativa perfettamente integrata col sistema. Continue reading “È arrivato Adium 1.4” »

Appena tornato da un giro per Pavia. Sono passato al Premium Reseller per vedere coi miei occhi il nuovissimo Air.

Parlando con l’assistente ho scoperto che Apple aveva consegnato i primi modelli da esporre e vendere, il giorno stesso della presentazione, da non aprire fino al giorno dopo!

Mi avvicino al MacBook Air 11″. La prima sensazione è ovviamente che l’air sia incredibilmente sottile e, a schermo chiuso, molto compatto. La sezione “triangolare” dello chassis aumenta la percezione di solidità e sottigliezza, sembra infatti spesso come un ipod touch.I piedini di gomma sotto sono un poco più gonfi del mio MacBook Pro, e questo fa sì che il portatile sia meno inclinato quando lo appoggiamo. Continue reading “Macbook Air provato per voi” »

Appena installata iLife (un processo per niente breve, circa 25 min), ho subito provato iPhoto a fondo e dato una sbirciatina ad iMovie. Ecco le primissime impressioni.

Iniziamo con iPhoto che è…

Veloce. A parte le prime due volte che si apre l’applicazione, in cui compare spesso la palla arcobaleno di caricamento (probabilmente dovuto al fatto che iPhoto deve aggiornare la libreria e ottimizzarsi un po’), usata più a fondo risulta davvero veloce. Inoltre le transizioni (barre laterali, scorrimento delle foto, zoom) sono più “morbide” e danno una piacevole sensazione. Continue reading “iLife: prime impressioni d’uso” »